Scienza e Novità

Cerere il pianeta nano

Cerere è un pianeta nano e l’unico che non si trova nella fascia di Kuiper ma piuttosto nel sistema solare interno nella fascia di asteroidi tra le orbite di Marte e Giove . Scoperto nel 1801 da Giuseppe Piazzi, è stato considerato un pianeta per un anno, e poi un asteroide, il primo del suo genere fino al 2006, quando è stato classificato come pianeta nano essendo il più piccolo di loro.

In questo Articolo:

Fatti chiave e riepilogo di Cerere

È l’unico pianeta nano situato nel sistema solare interno.
Non ha lune o anelli e gli scienziati ritengono che manchi anche di una magnetosfera.
Prima era considerato un pianeta, poi è stato retrocesso ad asteroide, il primo del suo genere, e poi è stato classificato come pianeta nano.
Dal 1802 al 2006 è stato considerato il più grande asteroide del Sistema Solare.
Fu scoperto nel 1801 dall’italiano Giuseppe Piazzi, che gli diede anche il nome Ceres Ferdinandea.
Il nome fu cambiato in Cerere, la dea romana dell’agricoltura.
A differenza di altri asteroidi, Cerere è rotondo perché è abbastanza grande da consentire alla gravità di modellare la sua forma in una sfera.
La sua composizione si presta alla formazione della vita come la conosciamo.
Alla ricerca di una stella, l’astronomo italiano Giuseppe Piazzi si imbatté nel 1801 in quella che credeva essere una cometa. Più tardi, con l’aiuto di un altro astronomo, si è concluso che hanno trovato un nuovo pianeta.

Scoperta di Cerere

Piazzi decise di chiamarla Ceres Ferdinandea. Ben presto, nel 1850 furono scoperti sempre più oggetti simili che portarono poi alla sua classificazione come asteroide, il primo oggetto ad essere chiamato così. Il nome cambiò poi in Cerere dalla dea romana della messe e dell’amore materno.

Distanza, Formazione e Dimensioni

Situato nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove , Cerere comprende un terzo di tutta la massa che si trova nella fascia degli asteroidi. Le sue dimensioni gli avrebbero poi conferito lo status di pianeta nano, nel 2006.

P u b b l i c i t à

Si trova a poco meno di 2,8 unità astronomiche dal Sole e quindi riceve la sua luce in circa 22 minuti, ed è a circa 3,5 unità astronomiche dalla Terra , quindi la luce impiega 29 minuti per arrivare a noi da Cerere. È il 33 ° corpo più grande del Sistema Solare nell’orbita di Nettuno.

Si ritiene che Cerere si sia formato circa 4,5 miliardi di anni fa, quando si stava formando il Sistema Solare . La gravità ha attirato gas e polvere vorticosi e ha portato alla creazione del piccolo pianeta nano. Cerere è descritto dagli scienziati come un pianeta embrionale o proto pianeta, il che significa che ha iniziato a formarsi come pianeta ma non è riuscito a finire. Il fallimento è stato garantito dalla forte gravità di Nettuno che ha impedito a Cerere di diventare un pianeta completamente formato.

Foto di Cerere

Cerere si stabilì nella sua posizione attuale tra il resto dei pezzi rimanenti della formazione planetaria. Un’altra teoria sulla sua origine afferma che Cerere si sia effettivamente formato all’interno della Cintura di Kuiper prima di migrare più vicino al Sole attraverso varie grandi influenze gravitazionali.

Questa teoria ha un certo peso a causa della presenza di sali di ammoniaca rilevati nel cratere Occator di Cerere. Anche la presunta formazione di Cerere in condizioni più fredde rispetto alla maggior parte dei pianeti e degli asteroidi conferisce una certa credibilità a questa teoria, il che significa che il pianeta nano si è formato oltre l’orbita di Giove.

Cerere ha il raggio di 476 chilometri o 296 miglia. Quindi Cerere è 1/13 del raggio della Terra o il 27% di quello della Luna. Si stima che il diametro di Cerere sia di circa 945 chilometri, il che significa che Cerere è una dimensione comparativa alla lunghezza dall’alto verso il basso del Regno Unito.

Orbita e rotazione

Segue un’orbita tra Marte e Giove, all’interno della cintura degli asteroidi e più vicino all’orbita di Marte. L’orbita è moderatamente inclinata, (i = 10.6° contro 7° per Mercurio e 17° per Plutone ) e moderatamente eccentrica (e = 0.08 contro 0.09 per Marte).

P u b b l i c i t à

Ci vogliono circa 4,6 anni terrestri perché Cerere compia un viaggio intorno al sole o circa 1.681 giorni terrestri. Mentre Cerere orbita attorno al sole, compie una rotazione ogni 9 ore, quindi la sua durata del giorno, che è una delle più brevi del sistema solare.

Geologia e atmosfera

Cerere è ricoperta da innumerevoli piccoli crateri giovani, non più grandi di 280 chilometri o 175 miglia di diametro. Il pianeta nano è composto principalmente da ghiaccio e roccia, con un interno roccioso e un esterno ghiacciato.

In superficie, il ghiaccio si mescola con vari minerali, in superficie si può trovare anche argilla ricca di ferro. La superficie è relativamente calda per un asteroide, la temperatura media della superficie è di circa 235 gradi Kelvin o meno 36 gradi Fahrenheit o meno 38 gradi Celsius.

Nel gennaio 2014, il vapore acqueo è stato rilevato in diverse regioni e quindi si è scoperto che il vapore acqueo comprende più della composizione esterna di Cerere di quanto si credesse in precedenza. È stato determinato che questo potrebbe essere il risultato del degassamento o di un tipo unico di vulcano chiamato criovulcano.

Il degassamento è una caratteristica comune di una cometa. Internamente, il mantello di Cerere, spesso circa 100 chilometri, potrebbe contenere fino a 200 milioni di chilometri cubi d’acqua, che è più di tutta l’acqua dolce sulla Terra.

Abitabilità della vita

La sua composizione si presta alla formazione della vita come la conosciamo. Le sue prospettive di vita sono positive e come tale ha raccolto la nostra attenzione per ulteriori osservazioni. Nel 2017 sono state scoperte molecole organiche su Cerere, i mattoni della vita contenenti carbonio. Queste sostanze organiche, cosa più importante, sembrano essere native, probabilmente formandosi su Cerere piuttosto che arrivare tramite asteroidi o attacchi di comete.

Gli scienziati sono stati contenti di questa scoperta. Tuttavia qualcosa di un po’ più noto porta in tavola la discussione sulla vita, i famosi punti luminosi che sono apparentemente una caratteristica unica di Cerere. Un anno dopo aver rilevato il vapore acqueo, la navicella spaziale Dawn della NASA è andata ad osservare Cerere ed è entrata nella sua orbita nel 2015.

Questo è stato quando è stata scoperta la superficie craterizzata di Cerere e sono stati osservati due punti luminosi molto distinti che hanno portato alla speculazione su una possibile origine criovulcanica che è un vulcano che erutta sostanze volatili come acqua, ammoniaca o metano. Nel 2016, gli scienziati del team Dawn hanno affermato in un documento scientifico che un enorme criovulcano chiamato Ahuna Mons è la prova più forte finora per le misteriose formazioni.

Foto Articolo

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/76/Ceres_-RC3Haulani_Crater%2822381131691%29_%28cropped%29.jpg

https://en.wikipedia.org/wiki/Occator_(crater)#/media/File:PIA20350_crop_-_Occator_from_LAMO.jpg

Condividi e Stampa

Articoli Correlati

Back to top button