Domande e risposte

Che fine ha fatto Pompei?

Pompei, s trova sulla sponda orientale dell’Italia, vicino a Napoli. Fondata nell’VIII secolo a.C., Pompei era inizialmente parte della Grecia . Successivamente, fu governata da Roma . Oggi, Pompei è nota per un disastro avvenuto nel 79 d.C. Il Vesuvio, un vulcano che si trova a nord-est della città, eruttò . In tal modo, ricopro’ la città di cenere. Il Vesuvio è scoppiato più di 50 volte nella storia documentata. Tuttavia, l’evento vulcanico del 79 d.C. è stato il più grave e mortale registrato.

Nel 79 d.C., circa 12.000 persone vivevano a Pompei. Lì potevano visitare caffè, negozi, stabilimenti balneari e persino una grande arena. Molti ricchi cittadini romani possedevano a Pompei le case. La città ha avuto anche un’imminente elezione. Graffiti e slogan politici sono apparsi su molti edifici e luoghi comuni della zona.

La risposta su Pompei

Quando il Vesuvio è scoppiato , tutto si è concluso. Mettendo una grandiissima nuvola di cenere, roccia e gas in alto nel cielo. Ciò ha spinto molti nella zona a fuggire. Tuttavia, alcuni a Pompei rimasero nelle proprie case, bloccati o riluttanti ad andarsene.

L’eruzione ha distrutto quasi tutto entro 24 km dal vulcano. Nella sola Pompei, 2.000 persone hanno perso la vita. Altre migliaia di persone morirono nell’area circostante. Quando finì, Pompei fu sepolta sotto milioni di tonnellate di cenere e roccia. E per più di mille anni, rimase coperta.

Infatti, i primi scavi di Pompei iniziarono solo nel 1748. Quando gli esploratori portarono alla luce la città, si resero conto che gran parte di essa era ben conservata . Protetta dalla stessa cenere che l’aveva distrutta, la città sembrava congelata nel tempo. La maggior parte dei suoi edifici era ancora in piedi, molti ancora con messaggi delle campagne politiche e altri graffiti. Sono stati conservati anche oggetti di uso quotidiano come la ceramica e persino alcuni cibi .

P u b b l i c i t à

Oggi, gli archeologi continuano a scoprire le rovine di Pompei. Tuttavia, affrontano la sfida di proteggere i resti della città mentre li trovano. Disastri naturali , eventi meteorologici e miglialia di turisti possono minacciare il sito. Tuttavia, le misure protettive hanno fatto una grande differenza negli ultimi anni.

Oggi, circa un terzo di Pompei è ancora sotto terra. La parte della città che è stata portata alla luce è strettamente sorvegliata ma aperta ai visitatori. Nel 1997, la città è stata nominata patrimonio mondiale dell’UNESCO, garantendole una protezione ancora maggiore.

Il Vesuvio, e’ esploso diverse dozzine di volte dal 79 d.C. Potrebbe ancora una volta seppellire Pompei nella cenere e nella roccia? Solo il tempo lo dirà.

Eureka Shopping

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/650668

Condividi o Stampa

P u b b l i c i t à

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button