Storia e curiosità

Primi schiavi in America

Un pezzo di storia da non dimenticare, da qua ebbe inizio una serie di situazioni indegne e malvagie, di lavoro forzato, abusi, sfruttamento e razzismo. I primi schiavi americani nella storia degli Stati Uniti inizia dell’arrivo di 102 passeggeri sul Mayflower nel 1620. Ma ci fu’ prima di questa data, un evento un anno prima, di 20 africani schiavizzati che furono portati nelle colonie britanniche contro la loro volontà.

La prima nave di schiavi in America

Come notò John Rolfe in una lettera del 1619, “20 e strani neri furono portati da una nave olandese nelle nascenti colonie britanniche, arrivando a quello che oggi è Fort Hampton, poi Point Comfort, in Virginia.

Sebbene gli africani ridotti in schiavitù facessero parte della storia portoghese, spagnola, francese e britannica in tutte le Americhe dal XVI secolo, i prigionieri che sbarcarono in Virginia furono probabilmente i primi schiavi ad arrivare in quello che sarebbe diventato gli Stati Uniti 150 anni dopo.

Complessivamente, la nave trasportava circa 350 persone schiavizzate. Mentre navigava verso Veracruz, nell’attuale Messico, la nave fu intercettata dal Leone Bianco. L’equipaggio britannico derubò parte del carico portoghese, incluse alcune decine di prigionieri africani, tra coloro che erano sopravvissuti al brutale viaggio finora. Pochi giorni dopo, fu a Point Comfort che finalmente la nave britannica sbarcò, nella speranza di scambiare gli africani schiavizzati con cibo e provviste.

Provenienza degli Schiavi e data

Come racconta l’Hampton History Museum, i prigionieri vennero dal regno di Ndongo, nell’odierna Angola. Secondo quanto riferito, furono catturati lì dai coloni portoghesi e poi portati al porto di Luanda, dove furono portati a bordo della nave schiava São João Baptista.

P u b b l i c i t à

La data esatta dell’arrivo della nave non è nota, ma gli storici hanno fissato l’agosto 1619 come il momento in cui iniziò la schiavitù in quello che sarebbe diventato gli Stati Uniti. Nel resto delle Americhe, tuttavia, era già in atto un regime di lavoro forzato.

“Prima della tratta degli schiavi, gli indigeni erano ridotti in schiavitù nelle colonie spagnole e portoghesi”, afferma Michael Thomas, assistente professore di filosofia alla Susquehanna University in Pennsylvania.

I conquistatori spagnoli avevano già portato schiavi africani nell’isola caraibica di Hispaniola (oggi condivisa tra Haiti e la Repubblica Dominicana) già nel 1502.

Nel 1526, una spedizione spagnola portò anche prigionieri africani nell’attuale South Carolina, quasi un secolo prima dalla data dello sbarco in Virginia ora considerata la nascita della schiavitù nel continente. Tuttavia, l’insediamento lì fu abbandonato l’anno successivo dopo che gli africani si ribellarono. Ma questo non cambio il proseguire della schiavitù in America.

Leggi anche

schiavi americani

I schiavi più famosi della storia Americana

Ciò non ha impedito a molti dei nati in tempi difficili di schiavitù di lasciare un segno nella storia. L’elenco degli schiavi più famosi nati…

Condividi o Stampa

P u b b l i c i t à

Articoli Correlati

Back to top button