Scienza e Novità

Maschere fatte in casa il miglior materiale e la combinazione di due tessuti

Con l’allarme della pandemia di COVID-19, tutti i paesi del mondo hanno optato l’uso delle mascherine in pubblico. Purtroppo questo ha portato una maggiore domanda nel mercato facendo così diminuire in pochi giorni le scorte non solo per i negozi ma soprattutto per gli ospedali e i centri di ricovero COVID-19.

Le mascherine speciali le N95 e le maschere chirurgiche essendo scarse sono state subito riservate agli operatori sanitari. Quindi le persone non trovando nei negozi o a caro prezzo, hanno cominciato a farle da soli, grazie alle mille tutorial che si trovano su youtube. I ricercatori in base a questa situazione hanno cominciato a fare degli studi, trovando una combinazione di cotone con seta naturale o chiffon che può filtrare efficacemente le particelle di aerosol, senza problemi.

Questo nuovo coronavirus che causa COVID-19, si diffonde attraverso le goccioline respiratorie quando una persona infetta tossisce, starnutisce, parla o respira. Le goccioline più piccole di dimensione vengono chiamate aerosol e possono facilmente infiltrarsi attraverso le fibre di tessuto, così facendo portando alcune scienziati a chiedersi se le maschere di stoffa fatte in casa possano effettivamente aiutare a prevenire le malattie. Un team di scienziati dell’Università di Chicago hanno voluto approfondire la resistenza di alcuni tessuti comuni, sia da soli che in combinazione, usando delle goccioline di aerosol su questi materiali.

Il test

Il team di ricercatori dell’Università di Chicago hanno testato questi materiali usando una camera di miscelazione producendo delle particelle di aerosol con un diametro compreso tra 10 nm e 6 μm collegando un ventilatore che soffiava l’aerosol attraverso vari materiali di stoffa, usando una velocità di flusso simile alla respirazione di una persona. Grazie a questo test, il team ha potuto misurare il numero e le dimensioni delle particelle nell’aria prima e dopo il passaggio attraverso il tessuto.

Dopodiché hanno cominciato a vedere delle combinazioni di materiale che insieme poteva migliorare la difesa della mascherina contro le particelle di Aerosol. Grazie a questo test è stato possibile dimostrare che se si usa uno strato di foglio di cotone insieme con due strati di chiffon di poliestere, il risultato è che filtra la maggior parte delle particelle di aerosol con un successo da 80% a 99%, a seconda della dimensione delle particelle. Dimostrando che le prestazioni sono vicine ad una maschera professionale come quella N95.

P u b b l i c i t à

Condividi

Foto principale

shorturl.at/cowA3

Articoli Correlati

Back to top button