Storia e curiosità

10 fatti su Chernobyl

Il disastro e l’esplosione di Chernobyl sono di gran lunga il peggior disastro nucleare che il mondo abbia mai visto. Se hai più di 30 anni, hai sentito parlare del famoso disastro sovietico di Chernobyl. Se non l’hai fatto, ecco un riepilogo.

Il 26 aprile 1986 verso l’1: 23, il reattore n. 4 si surriscaldò ed esplose. Ciò ha rilasciato una nuvola radioattiva che ha finito per uccidere immediatamente tre persone e diverse migliaia direttamente dalle radiazioni. Il numero esatto è ancora un po ‘un dibattito. Ha anche causato indicibili problemi a gran parte dell’Europa. Il crollo ha creato una paura dell’energia nucleare che esiste ancora oggi, ma molti dei fatti più interessanti e integrali non sono stati ampiamente pubblicizzati. Ecco dieci cose che trovo davvero interessanti. Iniziamo..

In questo Articolo:

1 – La Svezia ha effettivamente inviato il primo avviso


Devi ricordare che il 1986 era ancora durante la guerra fredda. L’Unione Sovietica non ha detto all’Occidente cosa stava succedendo proprio quando è successo. In effetti, ci sono voluti giorni per dire alla propria gente di evacuare le aree vicine. Dopo l’esplosione, i primi occidentali a saperlo furono gli operai degli impianti nucleari svedesi il cui sensore leggeva alti livelli di radiazioni. La Svezia ha inviato il primo avviso che stava succedendo qualcosa. È stato solo quando il mondo ha puntato i propri satelliti verso quella che ora è l’Ucraina settentrionale, che abbiamo capito cosa era successo.

2 – Lo iodio radioattivo è il primo killer


Dopo l’esplosione, i veri killer si presentano sotto forma di isotopi radioattivi, trasmessi da particelle di polvere che fluttuano nell’aria e cadono a terra. Lo iodio radioattivo è uno dei più pericolosi perché può essere rapidamente accumulato nella ghiandola tiroidea, portando al cancro alla tiroide e alla morte.

P u b b l i c i t à

Se hai abbastanza iodio naturale immagazzinato nella tiroide, lo iodio radioattivo non si accumulerà. Ma se le persone sono affamate di iodio naturale (come coloro che vivono in aree con suoli poveri di iodio) sono particolarmente a rischio. Questo è il motivo per cui i soccorsi iniziano dando pillole di iodio alle persone nelle aree colpite, cercando di prevenire l’accumulo di iodio radioattivo nei loro corpi. Fortunatamente lo iodio-131 ha un’emivita di soli 8 giorni, quindi la minaccia non rappresenta un problema a lungo termine.

3 – Stronzio-90 e Cesio-137 sono gli assassini a lungo termine


Probabilmente la minaccia più grave è il cesio-137 e lo stronzio-90 (il nome dice tutto :) ). Hanno un’emivita rispettivamente di 28 e 30 anni. La vera minaccia con questi due è nella loro ingestione. Lo stronzio-90 segue la chimica del calcio, quindi viene facilmente incorporato nelle ossa e nei denti, in particolare nei bambini piccoli che hanno ricevuto latte da mucche che consumano foraggio contaminato. Il cesio-137 è parallelo alla chimica del potassio, quindi viene prontamente assorbito nel sangue e può essere incorporato nei tessuti di persone e animali. Tutto ciò causa gravi problemi di salute e morte a vari ritmi.

L’emivita relativamente lunga di entrambi questi isotopi li rende ancora oggi un enorme problema. Solo circa la metà del materiale radioattivo è decaduto in questo momento, quindi una zona di esclusione per la sicurezza.

4 – Le radiazioni a Chernobyl sono relative


Le radiazioni si presentano in molte forme. Nella scienza, la radiazione cade su uno spettro di radiazioni elettromagnetiche. Le lunghezze d’onda lunghe sono cose come le onde radio. La luce è da qualche parte nel mezzo. Piccole lunghezze come i raggi alfa, beta e gamma vengono emessi dagli isotopi radioattivi. Possono penetrare nelle tue cellule e distruggere il tuo DNA. Naturalmente, questi raggi esistono sempre intorno a noi. È la quantita che è il problema.

Sorprendentemente, anche molto vicino al reattore principale, i livelli di radiazione possono essere molto bassi. In effetti, stare in piedi nel parcheggio a guardare il reattore fuso ha dato letture del dosimetro simili a quelle del volo alto in un aeroplano sopra i poli.

5 – Nessuno vive a Chernobyl


Ci sono molte persone che vivono a Chernobyl in tempi diversi. La città fantasma che vedi nella maggior parte delle immagini è la città alimentatrice di Pripyat. In teoria, non ci abita più nessuno. Tuttavia, la città di Chernobyl, che dista poco più di 10 km dal reattore, ha residenti che entrano ed escono in bicicletta a intervalli regolari.

P u b b l i c i t à

6 – Puoi ancora morire per le radiazioni a Chernobyl


Se sapevi già che le radiazioni a Chernobyl non erano poi così male, potresti pensare che non siano male. A dire il vero, ci sono alcuni punti caldi. Questi punti caldi si trovano solitamente nelle crepe dentro e intorno a Pripyat dove si sono accumulate le particelle radioattive. Si trovano anche in aree della foresta rossa dove gran parte della ricaduta principale è avvenuta mentre era sepolta. In tre occasioni, il mio contatore geiger è andato fuori classifica. In sostanza, il nostro personale di sicurezza mi ha detto che probabilmente avrei potuto stare in piedi per circa 4 ore sdraiato in quel punto prima di soccombere alle pericolose radiazioni e poi morire lentamente a causa di ciò. È stato più tempo di quanto pensassi, ma non c’è niente con cui scherzare.

7 – Gli animali sono radioattivi ma stanno bene


Questa è un’affermazione relativa, ovviamente. La radiazione provoca strane escrescenze e difetti alla nascita negli animali lì. In quanto esseri umani non sopporteremmo nemmeno un tasso di anormalità dell’1% nella nostra specie. Tuttavia, per gli animali qui, questo sembra un piccolo prezzo da pagare per vivere in un luogo relativamente libero dagli umani. La triste verità è che la presenza umana è probabilmente il problema più grande per la sopravvivenza della maggior parte degli animali.

8 – La stella di Wormwood profetizza


Nel libro delle rivelazioni , un angelo predisse che una stella gigante, una stella di “assenzio” avrebbe portato il giorno del giudizio (più o meno, questo è il succo). Bene, indovina qual è il nome della pianta dell’assenzio in questa regione: non è altro che “chernobyl”, il cui omonimo in seguito divenne il nome della città che alimentava la centrale elettrica. Sembra minaccioso. Sì. Trovare le piante di assenzio era uno dei miei obiettivi principali.


9 – Puoi effettivamente visitare Chernobyl


Si ci sono delle Agenzie turistiche che fanno questi tipi di escursioni, con tanto di percorso, ovviamente tutto organizzato bene con tute e maschere. Non ho incrociato nessun turista, ma c’erano uno o due furgoni carichi di visitatori polacchi che venivano a vederlo. Chiaramente ci sono modi per vederlo se vuoi essere avventuroso. Dalla mia esperienza, lo consiglio vivamente. Ti aprirà gli occhi su ancora più verità sull’energia nucleare. Solo stai attento. Non credo che le guide generalmente ti facciano conoscere i potenziali pericoli. Ricorda, le radiazioni sono un assassino silenzioso, inodore, insapore e invisibile che ti uccide lungo la strada.

10 – Chernobyl è un esperimento straordinario


È difficile per la maggior parte delle persone vedere un fatto positivo in un disastro nucleare. Tuttavia, mentre non saresti mai in grado di sottoporre animali o umani a questi livelli di radiazioni in un esperimento progettato, puoi studiare gli effetti degli animali qui e confrontarli con quelli al di fuori della zona. Questa era una parte importante degli argomenti che tanti scienziati stanno studiando.

11 – I lupi radioattivi di Chernobyl sono un mito

La biologa dei lupi Dr. Maryna Shkvyria . Gran parte della sua ricerca si è occupata dei lupi che attaccano le persone. Ha trovato più di una dozzina di casi di attacchi agli esseri umani, ma quasi tutti erano legati a casi di rabbia.

La conclusione: i lupi a Chernobyl non sono più pericolosi a causa delle radiazioni!

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/628751

Condividi o Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button