Storia e curiosità

Marengo il cavallo di Napoleone

Napoleone, aveva più di 100 cavalli, ma il suo preferito era questo stallone arabo importato dall’Egitto nel 1799. Si chiamava Marengo in ricordo della battaglia vinta nell’Alessandrino, durante la seconda campagna d’Italia nel 14 giugno 1800. Uno stallone bianco noto per la sua velocità, robustezza e per il suo coraggio.

In Questo Articolo:

Il quadro di Jacques Louis David

Quando fu raffigurato nel dipinto sopra di Jacques Louis David, Marengo divenne un simbolo della rivoluzione francese, plasmando l’immagine pubblica di Napoleone in tutta Europa.

Per quanto idealizzato possa essere il dipinto, forse l’elemento più irrealistico è lo stesso Napoleone. Napoleone era notoriamente un terribile cavaliere, essendo cresciuto senza cavalli e non avendo mai completato il suo addestramento militare.

Un documento lo descrive mentre cavalca “come un macellaio … il suo corpo rotola avanti e indietro e di lato, a seconda della velocità del suo cavallo”. Teneva le redini ammassate in una mano, puntava le dita dei piedi verso il basso e si piegava in avanti sopra la cavalcatura. Eppure era impavido, caricava su qualsiasi terreno, cavalcando fino a cinquanta miglia in un giorno e rimontando sempre dopo una caduta.

P u b b l i c i t à

La stalla di Napoleone

Napoleone aveva una stalla di 100 cavalli per il suo uso personale e molti cavalli da carrozza. Mentre la maggior parte dei cavalieri cavalcavano dei purosangue, a Napoleone piacevano i cavalli arabi, che erano abbastanza bassi da poter montare senza assistenza, oltre ad essere resistenti, veloci e coraggiosi. Preferiva anche gli stalloni, quindi Marengo, uno stallone arabo alto 1,5 m, era l’ideale. La storia narra che Napoleone lo acquistò come un bambino di sei anni durante la campagna egiziana del 1799, probabilmente dal famoso Stud Naseri.

Marengo portò Napoleone attraverso una moltitudine di campagne e battaglie e fu ferito almeno otto volte. Dopo un esame, fu trovato un proiettile alloggiato nella sua coda e cinque lunghe cicatrici segnarono il suo corpo.

Nella battaglia di Waterloo, Napoleone fuggì sulla scena in un carro, lasciando Marengo per essere catturato da William Petre. Marengo fu portato in Inghilterra, dove fu sfilato davanti alla folla e venduto al tenente colonnello Angerstein delle Guardie dei granatieri.

La fine di Marengo

Si è fermato all’età di 27 anni, ma non ha avuto successo e ha vissuto i suoi giorni come attrazione da protagonista in varie sfilate e mostre. Sorprendentemente, visse fino alla vecchiaia di 38 anni! Dopo la sua morte nel 1831, il suo scheletro è stato conservato e può ancora essere visto oggi al National Army Museum di Londra.

Curiosità

Lo sapevi che l’Irlanda lo reclama? Ebbene si, un gruppo di persone dei villaggi di Buttevant e Bartlemynel dichiarano che Marengo non pervenne a Napoleone direttamente dalle scuderie egiziane, ma che venne acquistato alla famosa fiera di cavalli di Cahirmee in Francia, nella contea di Cork, dove il cavallo sarebbe stato anche allevato.

Eureka Shopping

Condividi o Stampa

P u b b l i c i t à

Articoli Correlati

Back to top button