Storia e curiosità

Come e’ nato il calendario Giuliano?

Il calendario giuliano fu introdotto da Giulio Cesare nel 45 a.C. Era in uso fino al 1500, quando i paesi iniziarono a cambiare il calendario gregoriano. Tuttavia, alcuni paesi (ad esempio, Grecia e Russia) lo usarono fino nel 1900 e la chiesa ortodossa in Russia lo usa ancora, così come alcune altre chiese ortodosse. Nel calendario giuliano, l’anno tropicale è approssimato a 365 1/4 giorni = 365,25 giorni. Questo dà un errore di 1 giorno ogni 128 anni circa.

Quindi ogni 128 anni l’anno tropicale si sposta di un giorno all’indietro rispetto al calendario. Inoltre, il metodo di calcolo delle date per Pasqua era impreciso e doveva essere perfezionato.

Ma perché e’ importante studiarlo?

Il calendario giuliano è importante per gli storici perché è stato utilizzato in tutto il mondo per oltre 16 secoli e in varie parti del mondo per altri tre secoli dopo. Ed è importante per i genealogisti perché è stato utilizzato per registrare eventi in molti paesi fino agli inizi del 1900. Per questi motivi, è necessario comprendere il calendario giuliano e sapere quando e come è stata effettuata la conversione al nostro attuale calendario gregoriano.

L’errore calendario Giuliano

Con la correzione di Augusto, il calendario giuliano ora aveva una media di 365,25 giorni all’anno. Sembrava il più vicino possibile al numero reale di 365.2422. Vediamo quanto sia significativo questo errore.

Una differenza di 0,0078 giorni all’anno arriva a 1 giorno ogni 128 anni. Sono circa 3 giorni ogni 400 anni. Entro il 1500, questo ammontava a circa 10 giorni. E le vacanze stavano diventando notevolmente disallineate con le stagioni.

P u b b l i c i t à

Correzione Gregoriana

Per tornare al passo, nell’ottobre 1582 papa Gregorio XIII decretò che 10 giorni fossero stati cancellati dal calendario. Ma quella era solo la prima parte della sua correzione con il calendario Gregoriano. La seconda parte sarebbe assicurarsi di rimanere al passo. Lo ha fatto decretando che gli anni del secolo (quelli che terminano in 00) non saranno anni bisestili a meno che non siano equamente divisibili per 400. Ciò significa che ogni 400 anni avremmo 3 anni bisestili in meno, il che si traduce in 3 giorni in meno. Questo è vicino all’errore che abbiamo appena calcolato sopra.

Condividi

Articoli Correlati

Back to top button