Salute e Benessere

La capsaicina, benefici e danni per la salute


La storia del peperoncino dimostra chiaramente quanto sia difficile cambiare una reputazione
offuscata: a causa della piccantezza eccessiva, spesso insopportabile, i peperoncini erano
considerati malsani
. Gli scienziati, nel tentativo di comprovare scientificamente questo fatto,
alla fine del 20° secolo, decisero di indagare sulla capsaicina, ma all’improvviso tutto andò al
contrario.

Si è scoperto che la capsaicina, è la sostanza piccante del peperoncino, che rende piccanti i peperoncini, è un rimedio per le rughe e l’eccesso di peso, un afrodisiaco e un ottimo tonico, una cura per il cancro, le
ulcere allo stomaco, un antisettico, un immunomodulatore, un antiossidante
. tutto questo è in di dominio pubblico, quasi per niente, sempre con noi, ma non abbiamo sfruttato questa felicità.

Le aziende farmaceutiche stanno ora investendo miliardi di dollari nella ricerca sulla
capsaicina nella speranza di essere le prime a brevettare farmaci miracolosi basati su di essa.

In questo articolo parleremo dei benefici e dei danni della capsaicina, dove puoi trovarla e
come usarla. È importante notare: in presenza di malattie croniche, solo il medico dovrebbe
prescrivere un trattamento.

In questo articolo:

P u b b l i c i t à

Cos’è la capsaicina

capsaicina formula

La capsaicina dona il sapore piccante ai peperoncini. La concentrazione di capsaicina negli alimenti si misura utilizzando la scala di piccantezza di Scoville, secondo la quale il valore della capsaicina pura è di 16 milioni di unità (16.000.000 di Scoville). Per fare un confronto: il peperoncino di Cayenna ha una nitidezza da 30.000 a 50.000 scoville, invece il Jalapeno – circa 8.000 scoville.

Come viene estratta ?

La capsaicina viene estratta dalle varietà di peperoncino con acetone. L’estratto di capsaicina
è un liquido oleoso che ha un colore rosso o arancione pronunciato e il contenuto di
capsaicina è del 5-10%. Nella sua forma pura, la capsaicina è una polvere cristallina bianca. È un elemento chimicamente stabile, l’acido vanilamide 8-metil-6-nonenoico. La sostanza ha un gusto
piccante pronunciato, punto di fusione 65 °C.

La sostanza TRPV1

È insolubile in acqua, ma altamente solubile in solventi organici, inclusi alcol etilico e grassi.
È un neuropeptide – un composto attivo che influenza la sintesi, l’immagazzinamento, il
trasporto e il rilascio di una sostanza nota come TRPV1. È un mediatore chimico responsabile
degli impulsi dolorosi del sistema nervoso.

Come funziona la capsaicina

La capsaicina dove si trova? Quando apri un peperone, rilasci capsaicina. Una volta nel corpo, la capsaicina disabilita i recettori del dolore e smettono di inviare segnali di dolore al cervello. C’è un effetto analgesico. Più in dettaglio, la capsaicina è in grado di assorbire il neuropeptide P (sostanza
P), che trasmette i segnali del dolore dalle terminazioni nervose al cervello. Meno
neuropeptide P – meno sensazione di dolore. Inoltre, la capsaicina aumenta la produzione di
prostaglandine e collagenasi, che riducono l’infiammazione e influenzano l’effetto analgesico
generale.


Inoltre, la capsaicina stessa agisce come un neuropeptide (finge di essere un neuropeptide),
interagendo con i recettori TRPV1 (Transient Receptor Potential Vanilloid), segnalando un
falso calore. Questo porta ad un blocco più efficace di specifici neuroni “dolori”, senza
intaccare il resto, che sono responsabili di altre sensazioni, funzioni motorie, ecc.


I recettori TRPV1 sono responsabili della sensazione di dolore e calore. Si attivano a
temperature superiori a 43 gradi, nonché con l’aiuto della capsaicina. Il recettore è un canale
ionico non selettivo in grado di far passare ioni calcio. Questo è il modo in cui il recettore
invia un segnale su un aumento della temperatura al cervello. L’attivazione di questo
recettore è percepita soggettivamente come dolore e bruciore. Il cervello in risposta dà un
comando per rilasciare endorfine nel sangue. L’endorfina può causare uno stato di lieve
euforia e agisce come un antidolorifico “nativo”.

P u b b l i c i t à

Un pò di Storia

La capsaicina è un alcaloide simile a caffeina, nicotina, morfina, ecc. Peperoncino, cumino,
aglio e una serie di altre spezie piccanti che contengono capsaicina uccidono fino al 75% dei
più comuni agenti patogeni di intossicazione alimentare. Questa proprietà era già stata
notata dalle prime civiltà, soprattutto nei paesi caldi, dove il peperoncino aiutava a
mantenere i cibi idonei al consumo.

Scavi indiani

Negli scavi degli insediamenti indiani si trovano peperoncini piccanti, coltivati già 7000 anni
fa.
L’origine del nome non è nota con certezza. Forse deriva dal greco “capto”, che significa
“mordere”. Secondo un’altra versione, il nome deriverebbe dal vocabolo latino “caspa”, che
significa “scatola”, poiché la struttura interna del composto è simile a una cassa.

La scoperta XIX Wilbur Scoville

La capsaicina fu isolata per la prima volta a metà del XIX secolo (1846). L’esatta struttura
chimica di questo alcaloide è stata determinata per la prima volta da E.K. Nelson nel 1919 e
sintetizzato solo nel 1930. Nel corso di una ricerca sulle proprietà della capsaicina, Wilbur
Scoville
, dipendente di una grande azienda farmaceutica, ha studiato il piccante di diverse
varietà di peperoncino. Nel 1912 introdusse la sua famosa scala. ( la scala di scoville ).

Il risultato e la ripresa della capsaicina

A metà del 20 ° secolo, i sociologi hanno notato che gli abitanti del sud-est asiatico avevano
una percentuale maggiore di malattie gastrointestinali. È stata fatta una correlazione tra i
malati e il consumo di cibi piccanti e si è giunti alla conclusione: i cibi piccanti fanno male allo
stomaco.
Nell’ambito dello stesso studio in Sud America, i risultati sono stati completamente
opposti: uno dei tassi di malattie gastrointestinali più bassi al mondo. Ma per ogni evenienza,
al peperoncino è stato conferito il titolo onorifico di “cattivo”. E questo è bastato a seppellire la
reputazione del Cile per diversi decenni. Nel 21° secolo, gli scienziati, già in possesso delle
capacità tecniche per analisi dettagliate, presentano regolarmente nuove scoperte sugli
effetti della capsaicina sul corpo. Mentre seguiamo questa corsa, possiamo dare un’occhiata
più da vicino a ciò che ha attratto così tanto i farmacisti nei peperoncini piccanti. Capendo bene i benefici del peperoncino.

Il pericolo della capsaicina

In generale, oggi la capsaicina è considerata relativamente sicura. Inoltre, viene utilizzato
esclusivamente in forma diluita ripetutamente. Tuttavia, un milligrammo di capsaicina pura,
che entra sulla pelle di una persona, provoca una grave ustione chimica, che, in termini di
forza del suo effetto, può essere paragonata solo al metallo caldo.

Salendo sulla membrana mucosa, l’alcaloide provoca forte bruciore, dolore, lacrimazione e separazione del muco. In alcuni casi, la reazione alla capsaicina provoca spasmi della laringe, dei bronchi e persino una perdita della parola a breve termine. In realtà, ecco perché è apparso lo spray al peperoncino.

La buona notizia è che è molto difficile trovare la capsaicina pura, e non è necessaria, perché,
come l’essenza di aceto, ad esempio, deve essere diluita ripetutamente alla concentrazione
richiesta prima dell’uso.

I peperoncini e la capsacina

Nei peperoncini il contenuto di capsacina varia da 0 a 2.500.000 sulla scala di Scoville . Ma anche a basse concentrazioni possono verificarsi spiacevoli conseguenze. Se consumati in grandi quantità e da mangiatori impreparati, i peperoncini piccanti possono provocare sensazioni sgradevoli, ad esempio una sensazione di bruciore. Allergico ai peperoncini piccanti. Con la sensibilità al pepe, dopo aver inalato il suo odore, possono verificarsi tosse e persino soffocamento. A volte un’allergia si manifesta sotto forma
di eruzioni cutanee e dermatite.

Tutto questo suona un po’ spaventoso. Ma in questo momento imparerai a cosa serve la
capsaicina
e forse questo cambierà radicalmente il tuo atteggiamento nei confronti del cibo
piccante.

Stato d’animo

capsaicina e Stato d'animo

I recettori TRPV1 sotto l’influenza della capsaicina causano un aumento della produzione di
endorfine
, che, oltre ad alleviare il dolore, sono responsabili del miglioramento dell’umore.
Gli scienziati hanno dimostrato la connessione tra il consumo di cibi piccanti e la produzione
di endorfine.
Si presume che sia questa sensazione di piacere e felicità che provoca affetto tra
gli amanti del piccante, li aggancia all’uso del peperoncino.

Sesso e Peperoncino

Alcuni identificano la capsaicina con gli afrodisiaci perché rilascia endorfine e le endorfine
aumentano la qualità del sesso.


Tratto gastrointestinale

La capsaicina inibisce la riproduzione di numerosi batteri. Ad esempio, peperoncino, cumino,
aglio, zenzero e una serie di altre spezie piccanti distruggono fino all’80% dei comuni agenti
patogeni delle infezioni gastrointestinali,
E. coli (Escherichia coli), nonché Bacillus
megaterium, Bacillus pumilus.

Distrugge i batteri

Distrugge i batteri Helicobacter pylori, essendo uno dei migliori rimedi naturali per il
trattamento delle ulcere e della gastrite associate a Helicobacter.

Effetto protettivo

Ha un effetto protettivo sulla mucosa gastrica, previene le conseguenze negative del
consumo di alcolici o di alcuni tipi di farmaci (farmaci antinfiammatori non steroidei,
aspirina).

Riduce il bruciore di stomaco

Il peperoncino migliora la secrezione gastrica, cioè migliora la digestione, aiuta ad assorbire i
nutrienti e con una bassa acidità, la capsaicina riduce il bruciore di stomaco.

Previene la stitichezza

La capsaicina non viene digerita dall’organismo, passa attraverso l’intero tratto
gastrointestinale e infine colpisce le pareti dell’intestino crasso, aiutando a prevenire la
stitichezza
.

La lotta contro l’eccesso di peso

Il cibo piccante aiuta a bruciare i grassi. La capsaicina è considerata uno dei bruciagrassi
naturali più sicuri.
Riduce il livello di trigliceridi nel sangue, aumenta il numero di enzimi nel
fegato coinvolti nel metabolismo dei grassi, accelera il metabolismo, attiva il processo di
ossidazione dei grassi, è un agente termogenico. Stimolando il rilascio di adrenalina, aumenta
il metabolismo e aiuta a bruciare calorie e grassi.

Inoltre, nei topi di laboratorio, la capsaicina neutralizza l’infiammazione cronica innescata
dalle cellule adipose
, portando gli scienziati a ipotizzare che la capsaicina sia utile per
combattere non solo l’obesità, ma anche le comorbidità.


È stato dimostrato che la capsaicina aiuta a ridurre l’ormone grelina, responsabile della
sensazione di fame. Per mantenersi in una norma dietetica, è sufficiente consumare 30 grammi di peperoncino.


Se stai pianificando un allenamento e vuoi combattere attivamente l’eccesso di peso, mangia
peperoncino un’ora prima dell’allenamento al ritmo di 10 mg. Per 1 kg. il peso. Inoltre, la
capsaicina è venduta in compresse in qualsiasi farmacia. Le regole di applicazione e dosaggio
sono scritte nelle istruzioni per il farmaco.


È importante ricordare che oggi si tratta solo di un’ipotesi, che deve ancora essere verificata
nella pratica.

Diabete

Il consumo di cibi piccanti riduce significativamente il rischio di diabete e aumenta
l’aspettativa di vita. Questo è stato a lungo dimostrato da numerosi studi. Ad esempio,
Andrew Dillin, professore presso il Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare
dell’Università della California a Berkeley (USA),
ha condotto test sui roditori. Quei topi in cui
il recettore TRPV1 è stato neutralizzato con capsaicina hanno sviluppato una forte immunità
al diabete e all’obesità; la loro durata era del 14% più lunga rispetto ai topi in cui il recettore
TRPV1 non era esposto alla capsaicina.

Il consumo regolare di cibi piccanti porta a livelli più bassi di colesterolo, leptina, insulina e
glucosio.

Pressione sanguigna e circolazione

Come tutti sanno, la pressione alta peggiora le condizioni del cuore e delle arterie,
aumentando il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Uno studio del 2010 pubblicato su
Cell Metabolism conferma che la capsaicina rilassa le pareti dei vasi sanguigni, abbassando la
pressione sanguigna.


Inoltre, riduce il livello di colesterolo cattivo (LDL e VLDL), riduce il rischio di aterosclerosi ed
embolia (ostruzione dei vasi sanguigni con bolle di gas o particelle estranee, emboli).

Malattia cardiovascolare


La capsaicina riduce il rischio di ictus. Aiuta nel trattamento dell’ipertensione e di altre
malattie cardiovascolari stimolando il lavoro del sistema cardiovascolare. Aiuta a prevenire
l’indurimento delle arterie e l’embolia. Alcuni ospedali somministrano alte dosi di capsaicina ai pazienti cardiopatici pochi giorni prima dell’intervento chirurgico per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Insonnia


Per molti, la capsaicina ha dimostrato empiricamente di essere un trattamento efficace per
l’insonnia. Basta avere un piccante 20 minuti prima di andare a letto (ad esempio, un baccello
di peperoncino o un paio di cucchiai di salsa piccante).

Oncologia

La capsaicina crea una sorta di “barriera protettiva” inibendo il legame del DNA e la capacità
di un certo numero di agenti cancerogeni chimici di causare mutazioni cellulari. Non molto
tempo fa, un gruppo di scienziati dell’Università di Toronto, seguito da scienziati
dell’Università di Nottingham, ha dimostrato che l’assunzione di capsaicina prima
dell’irradiazione rende le cellule tumorali più sensibili alle radiazioni (stavamo parlando di
cancro alla prostata). Relativamente parlando, li “ammorbidisce”, rendendoli più facili da
distruggere.

Nel 2014, gli scienziati dell’Università di Alcala (Spagna) hanno scoperto che la
capsaicina aiuta con successo a combattere altri tipi di cancro, inclusi il cancro del colon, del
pancreas, del fegato e della mammella, sebbene in ogni caso funzioni in modo diverso: in
alcuni casi provoca cellule suicide, in altri rompe il meccanismo di crescita del tumore.
Ora si ritiene che se la capsaicina non diventa una vera e propria panacea per il cancro,
diventerà sicuramente uno strumento ausiliario che a volte aumenta la possibilità di una cura
completa.


Ma la ricerca non è ancora stata completata, i farmaci a base di capsaicina non vengono
presentati al mondo. È importante capire che la capsaicina ha un potente effetto
sull’organismo e, come qualsiasi altro farmaco, se usato in modo improprio, può causare
gravi danni alla salute. Comprendiamo tutti che il trattamento di malattie gravi deve essere
effettuato rigorosamente sotto la supervisione di un medico e nel rispetto di tutte le
raccomandazioni mediche.


Irradiazione

Si noti che l’assunzione regolare di peperoncino aiuta a proteggere il DNA dai danni causati
dalle radiazioni. Pertanto, il pepe può essere protetto dalle radiazioni gamma.


Polmoni

La capsaicina assottiglia il catarro e aiuta a liberarlo dai polmoni, rafforza il tessuto
polmonare e aiuta a prevenire e curare l’enfisema. Agisce come broncodilatatore. Ha
proprietà anti-asma.


Fegato

La capsaicina contiene flavonoidi che aiutano a riparare il tessuto epatico danneggiato. Sotto
l’influenza della capsaicina, il fegato produce più bile che, entrando nell’intestino tenue,
migliora la digestione.


Psoriasi

La psoriasi è una malattia autoimmune che provoca macchie di pelle rossa, pruriginosa e
squamosa. Sebbene non esista una cura per questa condizione, la capsaicina allevia il prurito
e riduce la comparsa di chiazze psoriasiche.


Emicrania

Gli spray nasali alla capsaicina sono stati a lungo usati per trattare l’emicrania. Il corso del
trattamento dura fino a due mesi.


Artrite

La capsaicina è efficace nell’artrite grazie alle sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie. Gli
unguenti a base di capsaicina riducono i tumori e alleviano il dolore.


Alzheimer

La capsaicina è usata per prevenire e curare malattie neurodegenerative come il morbo di
Alzheimer. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, ha un potente effetto protettivo sulle
cellule nervose.


È difficile trovare disturbi da cui la capsaicina non ci protegge. In ogni caso, i comprovati
benefici di questo prodotto sono così ampi che l’inclusione di prodotti con capsaicina nella
dieta quotidiana è fortemente consigliata.


È importante capire, tuttavia, che la ricerca su larga scala sulla capsaicina è iniziata
relativamente di recente (ad esempio, il recettore TPRV1, che è principalmente influenzato
dalla capsaicina, è stato scoperto solo nel 1997).

Lo sapevi

Il calore di un peperoncino può essere misurato in Scoville Heat Units (SHU), che vanno da 0 a 15 milioni.

Leggi anche

Il peperoncino più piccante al mondo

La scala di Scoville di Wilbur Scoville

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/1007598

Condividi e Stampa

Articoli Correlati

Back to top button