Tecnologia e App

Tecnologie Intel, che hanno cambiato le nostre vite

L’azienda Intel da più di 50 anni a favore di soluzioni conduttrici avanzate nel settore IT. Grazie ai suoi sviluppi rivoluzionari, possiamo utilizzare il Wi-Fi a casa, in ufficio, anche in metropolitana, portare laptop sottili e leggeri per studiare o in viaggio di lavoro, gioare al computer lavorare, fare progetti e tanto altro. Vi diciamo quali altre innovazioni Intel ha apportato al mondo della tecnologia e alle nostre vite. Ecco i 16 sviluppi Intel che hanno cambiato le nostre vite.

In questo Articolo:

1965: Legge di Moore

Intel è stata costituita nel 1968, ma tre anni prima Gordon Moore, uno dei futuri fondatori, ha notato un modello interessante. Nuovi chip sono apparsi sul mercato ogni 12 mesi e il numero di transistor nella generazione successiva è raddoppiato. Questa osservazione empirica della crescita esponenziale della potenza dei dispositivi in seguito venne chiamata Legge di Moore.

Lo stesso ingegnere, uomo d’affari e presidente onorario del consiglio di amministrazione di Intel, 10 anni dopo, ha condotto una nuova analisi di mercato e ha rivisto la scadenza: il numero di transistor raddoppia ogni 24 mesi. Ora, con lo sviluppo della tecnologia, questo divario sta gradualmente diminuendo, ma la legge di Moore rimane uno dei pilastri dell’IT.

1970: memoria dinamica

Cosa ha sviluppato Intel: La memoria dinamica, prima di Intel, i sistemi informatici utilizzavano la memoria su nuclei magnetici o di ferrite. Ma la sua produzione richiedeva un meticoloso lavoro manuale e una potenza significativa era richiesta per l’alimentazione.

P u b b l i c i t à

I circuiti integrati di memoria dinamica Intel® 1101 e 1103 Metal Oxide Semiconductor hanno rivoluzionato il settore. Per diversi anni, queste soluzioni compatte hanno quasi completamente estromesso dal mercato i moduli in ferrite e nel tempo sono rimaste solo le memorie del precedente tipo di memoria.

1971: la prima CPU in un unico chip

L’ingegnere Intel Ted Hoff ha avuto l’idea di assemblare tutti i microcircuiti in un unico chip. È così che è apparso il primo microprocessore Intel 4004 al mondo: è stato creato per le calcolatrici giapponesi Busicom 141-PF.

Intel 4004 includeva 2.300 transistor ed era paragonabile in termini di prestazioni a un computer ENIAC con 38.000 tubi a vuoto. Questa macchina occupava 167 mq. m, pesava 30 tonnellate ed emetteva 174 kW di calore, e le dimensioni del microprocessore Intel 4004 erano 4 x 3 mm², funzionava a una frequenza fino a 740 kHz ed emetteva 1 W di calore.

L’Intel 4004 è stato il primo processore di successo commerciale. Quest’anno la leggenda compie 50 anni.

1974: microprocessore al posto di ingombranti computer

A metà degli anni ’70, i computer costavano diverse migliaia di dollari ed erano disponibili principalmente per i militari o gli scienziati. I chip sono stati sviluppati per compiti specifici: come base per un calcolatore, una tecnologia industriale o un dispositivo di comunicazione.

Il primo microprocessore per uso generico, Intel® 8080, è stato offerto per un minimo di $ 360 e il chipset delle dimensioni di una scatola di fiammiferi è sembrato fantastico per molti. Gli ingegneri potrebbero personalizzarlo per compiti diversi e, se necessario, riprogrammarlo per un nuovo sistema.

P u b b l i c i t à

1978: leggendario x86.

Le basi per l’architettura del processore x86, che è ancora utilizzato oggi, furono poste dall’ingegnere Stephen Morse. Ha sviluppato per la prima volta questo set di istruzioni per il microprocessore Intel® 8086, in soli tre mesi e senza nemmeno rendersi conto di quanto sarebbe diventata popolare la tecnologia.

I moderni processori x86 supportano il set di istruzioni originale per il processore a 16 bit. Il termine x86 stesso è apparso solo nel 1985, con il rilascio del chip Intel® i80386 a 32 bit.

1980: Ethernet

Il protocollo Ethernet per la trasmissione di dati a pacchetto tra dispositivi per computer e reti industriali nasce nel 1973 grazie all’ingegnere Xerox Robert Metcalfe. Lo sviluppatore ha dovuto impiegare più di 7 anni per sviluppare standard per questa tecnologia e garantirne l’adozione diffusa con il supporto di Intel, Xerox e DEC.

Ben presto, i produttori apprezzarono il potenziale del protocollo e iniziarono a produrre in serie apparecchiature per lavorarci. Ciò ha consentito a Ethernet di sostituire i protocolli Token ring e ARCNET legacy, sopravvivere a centinaia di aggiornamenti e rimanere richiesti per più di quattro decenni.

1993: Intel® Pentium® e 100 milioni di operazioni al secondo

È uscito il primo processore Intel Pentium con 3,1 milioni di transistor: era 1.500 volte più veloce dell’Intel 4004 e ha sostituito il “quattro” (Intel® 80486, spesso indicato semplicemente come 486). A causa dell’architettura superscalare a due pipeline, ha eseguito due istruzioni in un ciclo di clock.

Il primo Pentium è stato seguito da Intel Pentium Pro, MMX e altre modifiche, e poi da nuove generazioni di processori. Si sono affermati da tempo nel mercato e sono diventati la spina dorsale di miliardi di PC domestici a prezzi accessibili.

1995: USB

La tecnologia ha permesso di scambiare dati simultaneamente e fornire alimentazione al dispositivo. USB ha aiutato non solo ad abbandonare connettori aggiuntivi, ma anche a semplificare la connessione: ha fornito un vero plug & play senza una lunga installazione di driver e la configurazione di gadget.

2001: il primo processore a 64 bit

È diventato chiaro che l’indirizzamento della memoria a 32 bit non era più sufficiente. Ecco perché Intel ha rilasciato un processore Itanium® a 64 bit per server e sistemi industriali.

Successivamente, i processori a 64 bit iniziarono ad essere utilizzati nel segmento consumer. Consentono di indirizzare 1.019 indirizzi di memoria e anche i computer della NASA ne hanno abbastanza per ora.

2005: processori multi-core

È nato Intel® Pentium® D, che includeva due core invece di uno per un calcolo parallelo più efficiente. Sono stati i primi processori x86-64 multi-core per pc .

Oggi molti smartphone sono dotati di processori a 8 core. E i chip di ricerca possono includere dozzine di core: ad esempio, nel 2006, Intel ha mostrato una Polaris a 80 core. Intel Pentium D è il punto di partenza per queste soluzioni.

2010: tecnologia Intel® Turbo Boost ™

Intel ha capito come passare automaticamente da economia a prestazioni elevate e ha introdotto la tecnologia Intel Turbo Boost. Il punto è che i processori per PC non devono sempre funzionare alla massima capacità. Ad esempio, quando un utente ascolta musica o invia messaggi di testo in un messenger, il sistema non dovrebbe utilizzare tutte le funzionalità. Allo stesso tempo, nei giochi ad alta intensità di risorse alle impostazioni massime, è necessario “accendere tutti i motori”.

Intel Turbo Boost aumenta la frequenza operativa del processore e fornisce la massima potenza per le attività impegnative, mantenendo basso il consumo energetico per il resto del tempo.

2011: transistor 3D

Inizialmente, i transistor erano planari (piatti). Il modello 3D ci ha permesso di aumentare le prestazioni senza aumentare la tensione di alimentazione.

I microprocessori basati sull’architettura Ivy Bridge sono i primi cristalli 3D sul mercato che utilizzano la tecnologia Intel® 3D Tri-Gate. Consumano il 50% in meno di energia rispetto ai loro predecessori e mostrano un aumento del 37% della produttività.

2011: Ultrabook ™ come marchio

Oggi sappiamo che un ultrabook è un laptop aziendale sottile, leggero e potente. Anche la comparsa di questo termine si deve a Intel: il concetto di ultrabook è stato presentato all’Intel Developer Forum 2011 di San Francisco .

Formalmente, Ultrabook è un marchio di proprietà di Intel. Prima di allora, tali gadget erano chiamati subnotebook, ma il termine non ha preso piede.

Gli Ultrabook dovevano soddisfare determinati criteri, che venivano aggiornati ogni anno. Prima di tutto, dovevano essere costruiti sulla base di processori Intel ad alta efficienza energetica, includere un SSD (unità a stato solido) per il caricamento rapido del sistema operativo e dei programmi e funzionare a batteria per lungo tempo.

2015: Intel® 3D XPoint (Intel® Optane ™)

È nata la tecnologia Intel 3D XPoint, che ha permesso di creare archivi di dati particolarmente veloci: sono più veloci della NAND in termini di velocità e DRAM in capacità. Intel li commercializza con il marchio Intel Optane.

Al giorno d’oggi, tali unità vengono spesso utilizzate nei laptop per avviare immediatamente il sistema. Sono inoltre installati su server che dovrebbero fornire le massime prestazioni.

2019: chip con tecnologia Intel® Wi-Fi 6

I processori che supportano il nuovo standard di trasferimento dati hanno iniziato a essere installati su laptop sottili e leggeri. Questa tecnica viene scelta dagli utenti aziendali che spesso devono lavorare in reti Wi-Fi con un numero elevato di connessioni, ad esempio in centri commerciali, zone wifi e aeroporti.

I dispositivi con Intel Wi-Fi 6 possono ridurre la latenza del 75% rispetto a Wi-Fi 5 e quadruplicare la capacità di rete. In pratica, ciò significa un aumento di quattro volte della produttività nelle aree congestionate.

2021: piattaforma Intel® Evo ™

È emerso il nuovo programma di verifica della conformità della piattaforma Intel Evo, che stabilisce criteri tecnici rigorosi per i produttori di laptop, comprese le prestazioni in scenari e applicazioni del mondo reale. I dispositivi basati su questa piattaforma possono rimanere senza ricarica per molto tempo, fornire un lavoro conveniente in applicazioni ad alta intensità di risorse e svegliarsi dalla modalità di sospensione in meno di 1 secondo *.

Eureka Shopping

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/1146605

Condividi o Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button