Scienza e Novità

Chernobyl e il disastro sulle persone

Un team internazionale di scienziati ha studiato in che modo le radiazioni dell’incidente del 1986 nella centrale nucleare di Chernobyl hanno influenzato i geni e la situazione del cancro delle persone sopravvissute al disastro e dei loro discendenti.

In questo Articolo:

Analisi dello studio

Uno studio non ha trovato prove che l’esposizione dei genitori abbia portato alla trasmissione di nuovi cambiamenti genetici sui bambini, scrive MedicalXpress in riferimento alla rivista Science. Un altro studio ha documentato cambiamenti genetici nei tumori in persone che hanno sviluppato il cancro alla tiroide dopo l’esposizione alle radiazioni durante l’infanzia o l’embrione.

L’analisi è stata eseguita sulla base di campioni biologici raccolti in Ucraina.


Cosa ha mostrato lo studio №1

Gli scienziati hanno studiato se le radiazioni causano cambiamenti genetici che possono essere trasmessi dai genitori alla prole, come suggerito da alcuni studi sugli animali. Stephen Chanok, MD, direttore del Dipartimento di epidemiologia e genetica del cancro, il National Cancer Institute ei suoi colleghi hanno analizzato i genomi completi di 130 persone nate tra il 1987 e il 2002 e le loro 105 coppie madre-padre.

P u b b l i c i t à

Uno o entrambi i genitori erano stati evacuati dai luoghi più vicini alla centrale nucleare di Chernobyl. Ogni genitore è stato valutato per gli effetti a lungo termine delle radiazioni ionizzanti che potrebbero verificarsi attraverso il consumo di latte contaminato, cioè latte di mucche al pascolo su pascoli contaminati da ricadute radioattive.

I ricercatori hanno anche analizzato i genomi dei bambini adulti per aumentare alcuni tipi di cambiamenti genetici ereditari noti come mutazioni de novo. Le mutazioni de novo sono cambiamenti genetici che si verificano casualmente nei gameti umani e possono essere trasmessi alla prole ma non visti nei genitori.

I dati non hanno mostrato un aumento del numero o dei tipi di mutazioni de novo nei loro figli nati tra 46 settimane e 15 anni dopo l’incidente.

Il numero di mutazioni de novo osservate in questi bambini era molto simile al numero di mutazioni nella popolazione generale. Di conseguenza, i risultati indicano che l’impatto delle radiazioni ionizzanti a seguito dell’incidente sulla salute della generazione successiva è stato minimo, se del caso.

Cosa ha mostrato lo studio №2

L’aumento del rischio di cancro alla tiroide è stato uno dei più gravi effetti negativi sulla salute osservati dopo l’incidente: l’energia delle radiazioni ionizzanti rompe i legami chimici nel DNA, causando vari tipi di danni

I ricercatori hanno registrato cambiamenti genetici nei tumori di 359 persone che hanno sviluppato il cancro alla tiroide dopo l’esposizione allo iodio radioattivo durante l’infanzia o in utero. E anche in 81 persone irradiate nate più di 9 mesi dopo l’incidente.

P u b b l i c i t à

I ricercatori hanno analizzato un tipo specifico di danno al DNA (rotture in entrambi i filamenti di molecole di DNA nei tumori della tiroide) e hanno scoperto che il legame tra rotture e radiazioni era più forte nei bambini che erano stati esposti alle radiazioni in età precoce.

Nello studio di Chernobyl, il cancro nelle persone altamente irradiate era più probabile che fosse causato dalla fusione genica (quando entrambi i filamenti di DNA erano rotti e quindi collegati alle parti sbagliate), e il cancro nelle persone non irradiate o leggermente irradiate era più spesso il risultato di mutazioni puntiformi. “in una parte fondamentale del gene). Questi risultati costituiscono la base per ulteriori studi sul cancro indotto dalle radiazioni.

Articoli correlati

Eureka Shopping

Condividi o Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button