Storia e curiosità

Chernobyl la storia di una città

In questo articolo parleremo della città vera e propria, non concentrandoci sui fatti avvenuti della tragedia del reattore nucleare, ma di quello che rappresenta come città, la sua storia e le sue origini. Una città piena di storia, di guerre e di sette, di chiese bruciate e di civiltà antiche , una città con un fascino e un mistero oltre la tragedia nucleare.

In questo Articolo:

Info Box

NazioneUcraina
CapitaleKiev
Area604 km²
Popolazione42.332 (2020)
LinguaUcraino / Russo
ValutaGrivne
Sito ufficiale

Chernobyl mappa

Insediamento Slavo Milograd

Uno dei luoghi più interessanti e meno esplorati della zona di esclusione di Chernobyl sono i resti di un antico insediamento slavo. In questo momento, l’ubicazione di questo insediamento è ipotizzata dalla presenza di resti di fortificazioni (bastioni di terra). Si ritiene che questo antico insediamento appartenga alla cultura Milograd della prima età del ferro (VII-III secolo a.C). L’insediamento è stato costruito su un’isola nel mezzo di paludi impraticabili. I resti dei bastioni, in particolare il bastione esterno, sono molto ben identificati oggi, anche dopo duemila anni e mezzo.

Chernobyl durante il periodo della Rus ‘di Kiev

Il territorio settentrionale e nord-occidentale dell’antico principato di Kiev, secondo le testimonianze di antiche cronache, già nel X secolo era ricoperto da una fitta rete di città, castelli feudali e insediamenti. Le rive dei fiumi Pripyat, Teterev, Irpen e Uzh erano per lo più popolate. Gli annali ricordano i nomi degli insediamenti, in particolare Ovruch, Rilsk, Semoch e altri. In questa parte di insediamenti storici, Chernobyl occupava un posto significativo.

La prima menzione della città di Chernobyl è stata trovata nella cronaca di Ipatiev. Dove è indicato che nel 1193 Rostislav cacciava vicino alla città di Chernobyl: “Il principe Vyshgorodsky e Turovsky Rostislav – il figlio del Granduca di Kiev Rurik cavalcò da Chernobyl a Torciisk“. Inoltre, la Cronaca Laurenziana descrive la campagna storica dei principi nel 1127, attraverso la città di Strezhiv, che era la città più meridionale del principato di Polotsk e faceva la guardia alle terre polovtsiane dall’antica Kiev. Ciò è confermato dallo storico Lavrenty Pokhilevich nella sua opera “Leggende sulle aree popolate della provincia di Kiev” (pubblicata nel 1864).

P u b b l i c i t à

Ci sono prove che anche alla fine del XIX secolo, sul sito di Strezhev, si potevano vedere fortificazioni di terra, bastioni, fossati e tumuli conservati dai tempi della Rus di Kiev. In uno dei tumuli, chiamato Tatarsky, sono state trovate armi e un tesoro di gioielli in bronzo e argento dei secoli XII-XIII. A questo proposito, i ricercatori della storia della città di Chernobyl sono giunti alla conclusione che la menzione di Chernobyl nella cronaca di Ipatiev non è altro che un ricordo della città ribattezzata di Strezhev.

Ci sono altre ipotesi sull’origine di Chernobyl. Il nome della città di Chernobyl potrebbe derivare dalla parola “Chernobyl” – è così che, dai tempi antichi e ora, chiamano il tipo di assenzio che cresce nelle vicinanze di Chernobyl.

Chernobyl durante l’invasione mongolo-tartara

L’antica storia della città di Chernobyl ha eventi associati all’invasione mongolo-tartara, al dominio lituano e polacco.
Così nel XIII secolo, nell’area della confluenza del fiume Pripyat con il Dnepr, si svolse una battaglia tra l’esercito unito lituano-ucraino e i tartari. L’esercito mongolo-tartaro, guidato da Kaidan, il comandante di Batu, fu completamente sconfitto e Kaidan fu miracolosamente salvato. Secondo gli storici, questa è stata la prima vittoria della Russia nei tartari mongoli.

Chernobyl e la Polonia

Nel 1569, dopo la firma dell’Unione di Lublino tra Lituania e Polonia, Chernobyl fu rilevata dalla Polonia. Il potere sulla città passa nelle mani della dinastia nobiliare Sapieha. Guerra di liberazione del popolo ucraino 1648-1654 neppure le terre di Chernobyl furono risparmiate. A seguito delle ostilità, questi territori sono passati di mano molte volte. Anche il reggimento di Kiev dell’esercito ribelle di Bohdan Khmelnitsky sotto il comando di A. Zhdanovich visitò Chernobyl.

Antichi credenti, tribu nella regione di Chernobyl

In questi territori, nel XVIII secolo, trovò rifugio una comunità di Antichi Credenti. Negli impraticabili boschetti delle foreste, costruirono eremi, dove potevano liberamente, secondo gli antichi, pregare i loro dei. Ancora adesso, nella parte centrale della zona di esclusione, si trovano i resti di un antico insediamento degli Antichi Credenti. Si chiama “Settlement”. L’insediamento è un appezzamento di territorio circondato da due bastioni.

Queste fortificazioni di terra sono ben identificate nel nostro tempo. Ad oggi, la ricerca storica e culturale di questo insediamento non è stata effettuata.

P u b b l i c i t à

Anche gli Antichi Credenti vivevano nella città di Chernobyl. Quindi, nel libro “Rapporti da Chernobyl” (autori A. V. Ilyesh e A. Pralnikov) si dice che nella seconda metà del XVII secolo i Vecchi Credenti si stabilirono a Chernobyl. Più tardi, la loro setta iniziò a essere chiamata “Chernobyl”. Il capo di questa setta, Illarion Petrov, aveva lo strano soprannome di “Cow Legs” gambre di mucca ed era noto per l’estremo fanatismo. La setta predicava la rapida venuta dell’Anticristo e la fine del mondo. È interessante notare che i settari di Chernobyl si trasferirono in seguito in Austria (alla fine del XVIII secolo). I settari furono personalmente invitati dall’imperatore austriaco Giuseppe II, che li esentò persino dalle tasse per i successivi vent’anni (dopo il reinsediamento).

I vecchi credenti che rimasero a Chernobyl un po ‘più tardi fondarono diversi insediamenti nella regione di Chernobyl. Zamoshnya, Krasilovka, Bychki sono gli insediamenti in cui vissero i vecchi credenti fino al 1986.
Nel 1775, un insediamento di scismatici – immigrati da Starodubye – fu fondato a Chernobyl. Gli scismatici avevano la loro chiesa nel nome di S. Filippo – Metropolita di Mosca. C’era un monastero nella chiesa.

Durante le rivolte di massa del popolo ucraino contro la nobiltà polacca, che sorsero più volte nell’Ucraina della riva destra, Chernobyl fu sequestrata due volte (nel 1747 e nel 1751) da distaccamenti ribelli, che trattarono crudelmente con la nobiltà polacca. Distaccamenti punitivi, guidati da Pan Matskevich, marciarono con il fuoco e la spada in tutta l’area nell’area dei fiumi Teterev e Pripyat.

Il fiume Pripyat ha svolto un ruolo speciale nella vita degli abitanti di Chernobyl. A causa della bassa produttività degli appezzamenti di terra, gli abitanti di Chernobyl erano principalmente impegnati nella pesca. Inoltre, raccoglievano legno, torba e raccoglievano anche funghi e bacche.

L’occupazione più comune del Polishchuk era la pesca, la caccia, l’apicoltura (apicoltura) e la raccolta. Si svilupparono anche vari mestieri come: ceramica, tessitura, lavorazione del legno, lavorazione del ferro, lavorazione della pelle, tessitura, lavorazione della pietra, artigianato di stoffa, ecc.

Grandi processi caddero sulla parte di Chernobyl in relazione alla persecuzione della cultura linguistica, fu eseguita la cattolicità della popolazione, ciò avvenne in modo particolarmente brillante durante il periodo del possesso della città da parte della nobiltà polacca. È noto che una chiesa cattolica romana fu fondata nella stessa Chernobyl nel 1600 e nel corso del tempo fu creato un monastero domenicano .

Ebrei e ortodossi di Chernobyl

Nel 1749, il concistoro di Radomyshl iniziò la costruzione della prima chiesa ortodossa di Ilyinsky nella città di Chernobyl. La costruzione della chiesa in legno fu completata nel 1779. Nel 1873 per cause ignote,la chiesa bruciò e al suo posto ne fu costruita una in pietra. Questa chiesa esiste ancora in città. Nella zona di esclusione di Chernobyl, c’era la Chiesa della Resurrezione, costruita nel XVIII secolo nel villaggio di Tolstoy Les. Nel 1996 la chiesa fu completamente bruciata.

I ricordi della città di Chernobyl esistono anche nella storia della Francia. Durante la dittatura giacobina, una nativa di Chernobyl, la ventiseienne polacca Rosalia Lyubomyrskaya-Khodkevich, il 30 giugno 1794, fu giustiziata con la ghigliottina a Parigi. È stata accusata di avere legami con Maria Antonietta e altri membri della famiglia reale.

Nonostante il fatto che la metà del XVIII secolo nella storia di Chernobyl sia stata travolta dalle fiamme delle rivolte popolari, fu durante questo periodo che la città fu caratterizzata da un significativo sviluppo culturale ed economico.
Nel 19 ° secolo, l’imprenditorialità iniziò a svilupparsi, apparvero scuole e istituzioni mediche. Nel 1855 fu aperta la prima scuola parafiale. L’insegnante era un diacono. Insegnava ai bambini a casa sua, poiché non c’era spazio per la scuola.

A quel tempo, circa quattromila ebrei vivevano a Chernobyl, più di duemila cristiani ortodossi e 600 scismatici. Inoltre, circa un centinaio di cattolici romani vivevano nella città di Chernobyl a quel tempo. A quel tempo c’erano cinque sinagoghe a Chernobyl, tre chiese ortodosse e una chiesa. Nel 1880 fu aperta a Chernobyl la prima scuola per 60 studenti. La scuola è stata sostenuta dai genitori degli studenti.

La prima mappa topografica di Chernobyl e della regione

A cavallo tra il XIX e il XX secolo, circa 17 mila persone vivevano a Chernobyl. Una delle strutture antiche uniche sul territorio della moderna zona di esclusione di Chernobyl, come notato sopra, era la Chiesa della Resurrezione nel villaggio di Tolstoy Les. La Chiesa della Resurrezione fu costruita nel 1760. Situato nel centro del paese. La chiesa era lignea, a tre intelaiature con un campanile attaccato ad ovest. La chiesa aveva tre cupole. La cupola centrale aveva finestre di illuminazione, le altre cupole erano vuote. I murales del XIX secolo sono stati conservati nella chiesa. Nel 1897 ai Babinets fu aggiunto un campanile quadrato (in pianta) a due livelli.

La chiesa è stata costruita in stile barocco ucraino. Dopo l’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl e l’evacuazione della popolazione, la chiesa è stata saccheggiata. Il 24 aprile 1996, quasi 10 anni dopo l’incidente, la Chiesa della Resurrezione è bruciata. Purtroppo questo monumento architettonico è andato perduto per sempre…

Eureka Shopping

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/1037866

Condividi o Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button