Domande e risposte

Perché il cielo è blu?

Il cielo ha sempre ispirato pittori e poeti, mettendo in dibattito nella storia molti scienziati, come il famoso scienziato meteorologo James Glaishere che nel Il 5 settembre 1862 con la sua mongolfiera Mammoth salì all’altezza di quasi 39.000 piedi ( 11.88 km) facendo segnare un record di altitudine che è resistito per 45 anni.  Il cielo ha incuriosito anche i più piccoli, ognuno di noi, da bambino a disegnato il cielo, il sole e i propri genitori. Questo perché il cielo e’ vita, ma perché il cielo è blu?

Alcune persone pensano che il cielo sia blu a causa della luce solare riflessa dall’oceano. Altri pensano che sia a causa dell’acqua nella nostra atmosfera. Ma il cielo è blu in luoghi estremamente secchi, come ad esempio il deserto.

Etimologia della parola cielo

Il termine “cielo” deriva dal latino coelum o caelum, queste sembrano  poi correlate al greco κοῖλος (koilos), che ha come significato cavo o incavato, oppure al verbo caedo ossia tagliare perché gli astrologi dividevano il cielo in varie regioni per lo studio.  

Altre lingue

1IngleseSky
2FranceseCiel
3TedescoHimmel
4SpagnoloCielo
5Cinese天空 – Tiānkōng
6RussoНебо – Niebo
7Araboسماء – Sama’

Perché il cielo è blu?

La risposta breve è che il cielo è blu a causa dell’atmosfera terrestre e del modo in cui riflette la luce del sole. La luce del sole è composta da tutti e sette i colori dell’arcobaleno: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola. Questi colori, viaggiano in onde, ognuna di dimensioni e frequenza diverse. In genere, tutta la luce viaggia in una certa linea retta, a meno che qualcosa non si metta in mezzo. Come uno specchio o un prisma. O nel caso dell’atmosfera, delle molecole e del gas della Terra.

La luce solare raggiunge l’atmosfera terrestre ed è diffusa in tutte le direzioni da tutti i gas e le particelle presenti nell’aria. La luce blu è diffusa più degli altri colori perché viaggia in onde più brevi e più piccole. Quindi, vediamo più luce blu nel cielo di qualsiasi altro colore, rendendo il cielo blu.

P u b b l i c i t à

Di che colore è la luce del sole?

La luce del sole che si vede ogni giorno è chiamata “luce bianca”. Questa luce può apparire incolore, ma in realtà è piena di molti colori mescolati insieme. Ecco perché vedi un arcobaleno quando fai brillare la luce bianca attraverso un prisma. Grazie al prisma la luce bianca viene separata in ciascuno dei suoi colori come: il rosso, l’arancione, il giallo, il verde, il blu , l’indaco ed infine il viola.

Ognuno dei colori è costituito dalle proprie lunghezze d’onda, un po ‘ come un’impronta digitale unica. Il rosso ha la lunghezza d’onda più lunga , il viola ha la più corta e tutti gli altri colori sono da qualche parte nel mezzo.

Ma che dire del tramonto, quando il cielo diventa arancione, rosso o viola?

Mentre il sole si abbassa nel cielo, la sua luce attraversa più della nostra atmosfera per raggiungerci. Quindi, ancora più luce blu è diffusa, il che consente ai rossi e ai gialli di passare direttamente attraverso i nostri occhi.

Questo fattore atmosferico succede anche con la Luna, infatti è capitato a tutti di vedere la luna rossa, detto anche in inglese “Blood Moon” in italiano “ Luna di Sangue” che si verifica circa due volte all’anno. (leggi di più)

Esperimento fai da te

Con questo esperimento possiamo vedere come si comporta la luce bianca in vari angolazioni. Le molecole grasse del latte nell’acqua si comportano come le molecole d’aria. Diffondono la luce dalla torcia. Mostrando cosi’ vari colori se vista lateralmente o direttamente.

Quello di cui hai bisogno:

Un bicchiere trasparente
Acqua, latte e una torcia
Una stanza buia

Cosa fare:

Riempi il bicchiere per circa 2/3 d’acqua (250 – 400 ml). Aggiungi un cucchiaino (2 – 5 ml) di latte e mescola. Porta il bicchiere e la torcia in una stanza buia. Tenere la torcia sopra la superficie dell’acqua e osservare l’acqua nel bicchiere dal lato. Dovrebbe avere una leggera tinta bluastra. Ora, tieni la torcia sul lato del vetro e guarda attraverso l’acqua direttamente alla luce. L’acqua dovrebbe avere una tinta leggermente rossastra. Metti la torcia sotto il vetro e guarda dall’alto in basso nell’acqua. Dovrebbe avere una tinta rossastra più profonda.

P u b b l i c i t à

Cosa è successo:

Le piccole particelle di latte sospese nell’acqua spargevano la luce della torcia, come le particelle di polvere e le molecole nella luce solare diffusa dall’aria. Quando la luce brilla nella parte superiore del vetro, l’acqua appare blu perché vedi la luce blu sparsa sul lato. Quando guardi attraverso l’acqua direttamente alla luce, questa appare rossa (come un tramonto o un’alba) perché parte del blu è stato rimosso dalla dispersione.

Lo sapevi che:

Riguardo ai Miraggi

Non credere ai cartoni animati: i miraggi non avvengono solo nel deserto. La luce si piega ogni volta che attraversa l’aria, ma quando la temperatura dell’aria varia drasticamente su una breve distanza, causando grandi fluttuazioni di densità, può piegare la luce così tanto che si verifica un miraggio.

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/1196390

Condividi

Articoli Correlati

Back to top button