Storia e curiosità

L’abaco la prima calcolatrice

La storia dell’abaco risale a circa 2500 a.C. proveniente dalla Mesopotamia. L’Abaco è un antico strumento matematico utilizzato per il calcolo, è uno dei primi strumenti di calcolo reali al mondo.

La parola Abacus deriva dal greco “Abax” che significa scheda di conteggio e i tipi originali di Abaco erano tavolette di pietra con polvere che le ricopriva e uno stilo usato per segnare i numeri. Successivamente questo si è evoluto in un dispositivo incorniciato con perline che scorrono lungo le aste di bambù. Per poi cambiare nell’attuale forma.

In questo Articolo:

Tipologia

La tipologia dell’abaco si è arricchita nel corso dei secoli di varie forme. Possiamo distinguere in due tipi:

Abaco a polvere

Si presume che l’utilizzo originale di un sistema di calcolo relativo ad Abacus fosse sotto forma di una tavola coperta di polvere o sabbia fine. La sabbia era divisa in linee, ognuna delle quali rappresentava una diversa posizione numerica. Numeri e quantità sono stati calcolati per mezzo di vari segni disegnati lungo le linee. La prima civiltà della Mesopotamia potrebbe aver visto lo sviluppo di un calcolatore così rudimentale.

P u b b l i c i t à

Il periodo 2700-2300 a.C vide la prima apparizione del sumerico abacus, una tabella di colonne successive che delimitava i successivi e ordini di grandezza del sistema numerico.

Alcuni studiosi indicano un personaggio del cuneiforme babilonese che potrebbe essere stato derivato da una rappresentazione dell’abacus. È opinione degli antichi studiosi babilonesi come Carruccio che gli antichi babilonesi “possano aver usato l’abacus per le operazioni di addizione e sottrazione ; tuttavia, questo dispositivo primitivo si è rivelato difficile da usare per calcoli più complessi”.

Abaco a colonne

Con il passare del tempo, l’abaco di sabbia si è sviluppato in una scacchiera su cui sono stati posizionati ciottoli o segnalini su linee simili a pedine su una tavola da backgammon. Il suo largo uso in Egitto, Roma, Grecia, India , e altra civiltà antica è ben attestata. Erodoto (484 – 425 a.C.) si riferisce molto probabilmente all’abaco a colonne nei suoi registri: “Gli egiziani muovono le mani da destra a sinistra nel calcolo, mentre i greci da sinistra a destra”. Un famoso esempio di abacus a colonne è l’Abaco di Salamina conservato al Museo di Atene. È costituito da una tavola di marmo bianco (149 per 75 cm) con linee disegnate su di essa.

L’abaco in varie civiltà

Abaco Mesopotamico

Non è noto quando siano stati sviluppati esattamente i primi dispositivi per facilitare il calcolo, come la scheda di conteggio o l’ abacus . La scheda di conteggio è stata inventata quando qualcuno ha afferrato l’idea di posizionare ciottoli o altri oggetti in colonne segnate su una superficie piana e assegnare un ordine di unità agli oggetti in ciascuna colonna. Successivamente, gli oggetti sciolti nelle colonne furono sostituiti con perline che potevano scivolare lungo aste parallele.

Esistono informazioni non provate, secondo cui un dispositivo simile all’abacus fu usato in Babilonia già nel 2400 a.C. 

Abaco egiziano

L’uso dell’abaco nell’antico Egitto è menzionato dallo storico greco Erodoto , che scrive che gli egiziani manipolarono i ciottoli da destra a sinistra, in direzione opposta al metodo greco da sinistra a destra. Gli archeologi hanno trovato antichi dischi di varie dimensioni che si pensa siano stati usati come contatori. Tuttavia, le rappresentazioni delle pareti di questo strumento non sono state scoperte, sollevando alcuni dubbi sulla misura in cui questo strumento è stato utilizzato.

P u b b l i c i t à

Abaco Greco

abaco greco
Abaco di Salamina

Le prime informazioni scritte sull’abaco, sopravvissute fino ad oggi, provengono dallo storico greco Erodoto (480-425 a.C.), che menzionava anche che gli antichi egizi lo usavano. L’abaco più antico, sopravvissuto fino ai giorni nostri, è il cosiddetto Abaco di Salamina. Prende il nome dall’isola greca di Salamina, nelle vicinanze della quale fu trovata nel 1846 e fu descritta in seguito dall’archeologo greco Alexander Rizo-Rangabe.

Abaco persiano

Durante l’impero persiano, intorno al 600 a.C. i persiani iniziarono a usarlo. Sotto gli imperi iraniani partico e sassaniano, gli studiosi si concentrarono sullo scambio di conoscenze e invenzioni da parte dei paesi intorno a loro – India, Cina.

Abaco Romano

abaco romano
Una replica moderna di un abaco romano del I secolo d.C

L’abaco romano era simile a quello greco. Consisteva in una tavoletta di metallo con scanalature parallele, generalmente nove, ciascuna corrispondente a un ordine di unità, in cui scorrevano contatori sferici. L’abaco nella figura in alto ha 8 posizioni decimali (all’estrema sinistra), per le unità, le decine, le centinaia e così via fino ai 100 milioni.

Un abacus da tavolo romano furono trovate su un cammeo etrusco, su un molo romano e su un rilievo del Museo Capitolino di Roma.

Abaco cinese

Abaco cinese Suanpan
Abaco cinese Suanpan

L’abaco cinese è chiamato “suanpan” (算盤, padella calcolatrice) in Cina. È stato menzionato in un documento cinese del II secolo a.C. della dinastia Han orientale. Le versioni potrebbero essere state utilizzate per migliaia di anni prima. Venne poi diffuso durante la dinastia Ming . Un libro scritto da Wu Ching – Hsin – Min nel 1450 fornisce una descrizione dell’Abacus. 

L’abacus cinese aveva due segnalini sopra la barra e cinque sotto. Questo tipo di Abacus è ancora usato in Cina oggi. Il tipo cinese ha perline infilate su fili o sottili aste di legno. C’è un divisore che separa le stringhe sinistra e destra delle perle. Gli abaci cinesi sono progettati per consentire il calcolo esadecimale. Le versioni romana e giapponese sono progettate per calcoli in base 10. 

I cinesi possono anche usare i loro abacus per i calcoli decimali. Questi suanpan possono essere usati per fare divisione, moltiplicazione e per prendere radici quadrate e radici cubiche, anche se l’utente conosce le tecniche.

Eureka Shopping

Foto principale

https://pxhere.com/it/photo/928740

Condividi o Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button