Scienza e Novità

Dumka il primo gatto con la protesi

In Russia una gatta ha perso tutte e quattro le zampe a causa del congelamento ma ora può camminare, correre e persino salire di nuovo le scale, grazie ai veterinari che hanno sostituito i suoi arti mancanti con protesi stampate in 3D in titanio. Il felino grigio e resistente, di nome Dymka (“nebbia” in russo), ha circa 4 anni. Un autista di passaggio l’ha trovata nel dicembre del 2018 sulla neve a Novokuznetsk in Siberia e l’ha portata in una clinica a Novosibirsk, secondo il sito di notizie russo Komsomolskaya Pravda.

Dymka soffriva di congelamento delle zampe, delle orecchie e della coda, al punto che il veterinario Sergei Gorshkov ha dovuto amputare quelle estremità danneggiate.

Questo problema succede tante volte, infatti durante i rigidi inverni siberiani, i veterinari della clinica di Novosibirsk trattano in genere almeno 5-7 gatti a causa del congelamento delle zampe, delle orecchie e del naso. Il congelamento si sviluppa quando le temperature fredde congelano la pelle e i tessuti, in particolare alle estremità dove si raffredda il sangue. Nei casi più gravi, il tessuto muore e richiede addirittura l’amputazione.

Gorshkov e i suoi colleghi della clinica hanno collaborato con ricercatori dell’Università Politecnica di Tomsk (TPU) a Tomsk, in Russia, per creare una serie di protesi per Dymka. Gli scienziati hanno sviluppato e applicato un rivestimento in fosfato di calcio per aiutare a montare gli impianti in titanio che sono stati inseriti e fusi nelle ossa delle gambe e per16,1 ridurre al minimo il rischio di infezione e rigetto dell’impianto, hanno affermato i rappresentanti della TPU in una nota .

I ricercatori hanno utilizzato scansioni a raggi X con tomografia computerizzata (TC) delle gambe di Dymka per modellare e quindi stampare in 3D le aste di titanio. Dymka ha ricevuto le sue protesi a luglio 2019, prima nelle zampe anteriori e poi nelle zampe posteriori, secondo quanto riportato da Novosibirsk News.

P u b b l i c i t à

In un video condiviso su YouTube dalla clinica veterinaria il 10 dicembre 2019 – sette mesi dopo che le nuove zampe di Dymka sono state attaccate – si stava godendo un tratto di risveglio, camminando in una sala d’esame e giocando con una frangia su una coperta.

Condividi

Foto principale

(Immagine: © Kirill Kukhmar / TASS / Getty)

Articoli Correlati

Back to top button